Lifestyle

CHIARIMENTI SUGLI INCENTIVI CUCINE E ELETTRODOMESTICI

Iscriviti al mio canale Youtube
cucina elettrodomestici noirisparmiamo


Viste le e la grande confusione creata dalla televisione, vediamo di fare il punto su quello che realmente si puA? ottenere dagli incentivi e soprattutto COME ottenerlo.

La prima via A? la detrazione IRPEF per lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria sull’immobile, A? un tipo di incentivo esistente dal 2007 e rinnovato ogni anno, che A? legato appunto alla ristrutturazione della casa e acquisto di elettrodomestici in classe A. Per usufruirne, basta fatturare i lavori eseguiti, gli acquisti di elettrodomestici e incaricare il proprio commercialista o il caf di appoggio per effettuare le detrazioni dalla dichiarazione dei redditi. Noi consigliamo questa via, perchAi?? l’altra come vedremo di seguito A? un po’ come giocare al superenalotto.

La seconda via sono gli “sconti immediati”. Insieme, infatti, agli incentivi previsti per le eco-case, quelle cioA? a basso consumo energetico, per cui si potranno ricevere incentivi fino a 7000 euro come sopra, ci sono parecchi sconti previsti anche per chi decide di cambiare la cappa elettricaAi?? per cui A? possibile uno sconto fino al 20% ed entro i 500 euro. Stesso sconto, ma con un limite di 80 euro, per chi compra un nuovo forno o un piano di cottura. Il 20% di sconto vale anche per l’acquisto di una nuova lavastoviglie, con il limite di 130 euro. E’ previsto, invece, uno sconto immediato sul prezzo del 10% sino ad un massimo di 1.000 euro per la spesa di una cucina in sostituzione di una vecchia, con piano di cottura, forno e lavastoviglie da incasso, tutti di classe A. Ed A? questo a quanto pare a interessare di piA?. Vediamo allora come ottenere lo sconto (di seguito anche la lista degli sconti per elettrodomestico).

Questo incentivo specifico di sconto immediato sull’acquisto entrerAi?? in vigore a partire dal prossimo 6 aprile e durerAi?? fino al 31 dicembre 2010 MA fino ad esaurimento risorse. Lo stop alle richieste arriverAi??, infatti, nel momento in cui le risorse stanziate per quel determinato prodotto dovessero esaurirsi. Si calcola per esempio che sul cambio dei frigoriferi l’incentivo sarAi?? esaurito nei primi due mesi.
Per ottenere questo sconto-incentivo, i clienti dovranno rivolgersi ai rivenditori prescelti chiedendo di utilizzare lo sconto, fornendo carta di identitAi?? e codice fiscale. Il rivenditore poi verificherAi?? lai??i??eventuale disposizione del prodotto per via telematica o al telefono chiamando l’apposito call-center, e lo comunicherAi?? al cliente dicendogli se puA? o non puA? usufruire dell’incentivo.

Si tratta quindi di una scommessa: bisogna andare dal rivenditore, scegliere per esempio la cappa nuova, poi chiedergli di telefonare per verificare la disponibilitAi?? allo sconto per quel prodotto. Da precedenti esperienze succede che il call center A? sempre occupato, non si riesce a connettersi con il sistema telematico e ancora piA? spesso alcuni rivenditori non utilizzano il bonus incentivi perchAi?? il rimborso A? lentissimo, tramite le Poste, cosa che gli comporta una perdita di denaro invece che un guadagno.

Per questo motivo, consigliamo di rivolgersi prevalentemente alle catene di ipermercati e negozi che espongono gli elettrodomestici con giAi?? l’indicazione di incentivo.

Se la risposta del sistema alla vostra richiesta di incentivo sarAi?? positiva, questi sono gli sconti a cui avrete diritto:

Arredamento completo cucina: per la sostituzione dei mobili da cucina con cucine componibili complete di elettrodomestici ad incasso di classe A lo sconto A? pari al 10% del prezzo di acquisto con un contributo massimo di 1000 euro. Esempio pratico: compro una cucina da 4000 euro, la pago 3600 euro e i 400 euro restanti verranno rimborsati al rivenditore tramite Poste Italiane. Compro una cucina da 11.000 euro, la pago 10.000 euro.Ai?? Compro una cucina da 15.000 euro, la pago 14.000 euro (non 13.500 perchAi?? lo sconto massimo A? 1000 euro)

Singoli elettrodomestici: sconto del 20% del prezzo di listino ma i massimali applicati variano a seconda della tipologia di elettrodomestico scelto (vedi di seguito). Gli elettrodomestici devono essere di classe A, A+ o A++ e dotati delle piA? aggiornate misure di sicurezza. In particolare hanno diritto alla riduzione del 20%:

Lavastoviglie:
sconto 20% fino a un massimo di 130 euro;
Forni elettrici e piani cottura: sconto 20% fino a un massimo di 80 euro;
Cappa elettrica, scaldacqua a pompa di calore e stufe sia gas che biocombustibile: sconto 20% fino a un massimo fino ad un massimo di 500 euro

20 Commenti su CHIARIMENTI SUGLI INCENTIVI CUCINE E ELETTRODOMESTICI

  1. stufe a legna,a pellet,termocamini,cosa si puo’acquistare dei suddetti prodotti con gli incentivi?

  2. Sto comprando una cucina componibile nuova in sostituzione della vecchia in campagna. Per quanto riguarda la rottamazione dispongo solo degli elettrodomestici ma i componibili della vecchia cucina non ci sono ( solo una piattaia in realtà… per riporre pentolame ci sono vecchi mobili).
    Volevo sapere se la rottamazione riguarda solo gli elettromestici.
    Cioè ho diritto agli sconti sia sulla cucina che sugli elettrodomenstici rottamando solo gli elettrodomestici? Del resto non saprei come rottamare/smaltire vecchi pensili in legno…
    Grazie

  3. Salve, oggi 10 aprile mi sono recata in un negozio di elettrodomestici di una famosissima catena e ho chiesto informazioni riguardo gli incentivi sulle lavatrici. Mi è stato riferito che su questo tipo di elettrodomestico non sono stati erogati incentivi statali,vorrei sapere se la possibilità di offrire incentivi è facoltativo o meno del negozio dato che ho letto anche nelle risposte precedenti che le lavatrici vi rientrerebbero.
    grazie, spero di aver espresso correttamente la questione

  4. desideravo sapere dove e quando sarà consultabile l’elenco dei rivenditori aderenti agli incentivi statali.
    grazie per i vostri chiarimenti.

  5. Redazione NoiRisparmiamo // Aprile 11, 2010 a 1:53 pm // Rispondi

    @Stefania: sì che puoi, basta leggere nell’articolo sopra come fare 🙂

    @Davide: sì

    @Stefano: 1) basta comprarla chiedendo direttamente al rivenditore di fare il controllo per l’incentivo e decurtarlo dal prezzo totale (vedi articolo sopra). La fatturazione deve essere posteriore al 6 aprile
    2) no, quello riguarda la ristrutturazione e rientra in un altro tipo di contributi

    @Giovanni: sì

    @Vladimir: stiamo chiedendo e ci arrivano risposte diverse da diverse fonti, addirittura al callcenter uno ci ha risposto sì e uno no… i rivenditori: alcuni hanno richiesto incentivi per le lavatrici e sono stati approvati, altri no. Non sappiamo che dire…

    @Claudia: sì, l’ikea è di origine svedese ma in Italia si chiama Ikea Italia 🙂 Comunque può comprare qualsiasi marca, anche straniera, purché la acquisti in Italia. All’Ikea tra l’altro sono tra i pochi in grado di spiegare benissimo tutta la procedura per gli incentivi e dare una risposta subito.

    @Edi: un incentivo riguarda la sostituzione di tutta la cucina, mentre ci sono anche incentivi ‘singoli’ per elettrodomestici, trovi le spiegazioni nell’articolo sopra

    @Paola: a noi non risulta, provi anche presso un altro rivenditore, alcuni semplicemente non vogliono rischiare di non incassare l’incentivo visto che gli dovrebbe arrivare dopo mesi tramite Poste Italiane

    @Fabrizio: le stufe, non sono invece compresi i termocamini ma dipende… se li fa rientrare in una ristrutturazione sono compresi dagli incentivi della finanziaria (sgravio iva ecc.)

    @Grazia: la ‘rottamazione’ è in realtà solo verbale, per avere l’incentivo è necessario comprare una nuova cucina, tutto qui. Poi quello che lei dà alla discarica, sono questioni sue, può anche tenersi quelli vecchi in realtà.

    @Stefania: questa cosa delle lavatrici come dicevamo sopra è dubbia. Alcuni applicano gli incentivi e altri no, persino il call center ci ha risposto in due modi diversi… io a questo punto proverei anche presso altre catene/negozi, altrimenti non saprei, non è per niente chiaro. I rivenditori comunque applicano quello che gli viene detto dal callcenter, loro possono scegliere solo se partecipare o meno alle vendite sugli incentivi, non su quali elettrodomestici farle

    @giovanna: non esiste un elenco di questo tipo e non mi risulta che lo faranno. Comunque salvo alcuni casi rari, partecipano tutti i rivenditori, specialmente le grosse catene di vendita mobili e elettrodomestici

  6. devo comprare una cucina con i seguenti elettrodomestici: lavastovoglia clasee AAA, frigorifero classe A+, forno classe A, cappa e piano cottura con sicurezza gas. Gli incentivi riguardano il 10% del valore totale della cucina o viene detratta la percentuale per ogni singolo elettrodomestico?
    Il negoziante può rifiutarsi di richiedere il bonus alle Poste?

  7. Ho acquistato una cucina con elettrodomestici ad incasso in classe A e A+. Per quanto riguarda la rottamazione dispongo solo degli elettrodomestici singoli piano cottura/forno e frigorifero ma i mobili della vecchia cucina non ci sono ( solo alcuni pensili una piattaia in realtà…). Volevo sapere se rientro negli incentivi e a chi compete lo smaltimento.
    Poi fa fede la data di arrivo della cucina con l’emissione dello scontrino con relativo pagamento di acconto e rateizzazione? anche se il contratto è stato fatto prima del 6 aprile?

  8. Buongiorno, sto arredando casa per la prima volta e devo comprare una cucina nuova quindi non in sostituzione di un’altra. L’incentivo è valido comunque? tutti gli articoli parlano di sostituzione..come bisogna procedere? bisogna documentare la sostituzione?

  9. senza voler fare zizzania prima di afffermare cose inesatte vorrei che cortesemente definiate il discorso della “rottamazione a parole” , e’ vero che il compratore deve fare un autocertificazione ma e’ vero che per avere il diritto al contributo il rivenditore deve provare con documetazione che ha smaltito il vcecchio apparecchio a norma di legge . dite “@Grazia: la ‘rottamazione’ è in realtà solo verbale, per avere l’incentivo è necessario comprare una nuova cucina, tutto qui. Poi quello che lei dà alla discarica, sono questioni sue, può anche tenersi quelli vecchi in realtà.” leggendo il decreto e collegandomi a quello che viene richiesto almeno come documentazione da tenere nel caso dello sgravio frigoriferi gia’ in essere mi sembra quantomeno impreciso e precipitoso dare tali informazioni, senza fare polemica ma solo per chiarezza.
    cordiali sluti

  10. @gluca: il discorso era CUCINE COMPLETE non frigorifero da solo. Comunque anche per gli elettrodomestici singoli è possibile l’escamotage: alcuni rivenditori non ritirano l’usato ma dichiarano solo di averlo fatto. Per gli altri che lo ritirano, basta che vada all’isola ecologica più vicina a casa sua e ne prelevi uno vecchio, è gratis. Poi lo dia al rivenditore quando le consegna quello nuovo. Chieda però prima al rivenditore se lo ritira, altrimenti fa tutto il lavoro per nulla.
    Le nostre informazioni sono pratiche, in genere.

  11. COMMENTO RIMOSSO DALLA REDAZIONE

  12. Redazione NoiRisparmiamo // Aprile 14, 2010 a 11:06 am // Rispondi

    gluca, sicuramente lei ha tempo e voglia per fare della polemica a buon mercato, noi no. Questo è un sito per la condivisione di informazioni, non per fare le pulci a chi ci scrive.

    In quanto a quello che faranno gli italiani è piuttosto chiaro da anni, visto che non è la prima volta che questi incentivi vengono approvati, è solo la prima volta che vengono pubblicizzati in maniera così forte dai telegiornali. Il regalo del governo è stato fatto ai produttori di elettrodomestici, se ne faccia una ragione. Non c’entra niente con l’ecologia che non è proprio negli interessi della politica italiana in generale.

    In quanto al buttare elettrodomestici in campagna, mi dispiace che lei la pensi così perché chiunque con un minimo di intelligenza sa che vengono ritirati GRATUITAMENTE, basta chiamare la ditta che localmente si occupa dello smaltimento rifiuti.

    La invito a frequentare altri forum e blog se ha così tanto tempo a disposizione per spaccare il capello in quattro, da questo sito è bannato.

  13. Sono un rivenditore, ho l’impressione che lo smaltimento, se a nostro carico, diventi un bel problema,intanto se dobbiamo addebitare i costi di smontaggio e trasporto della cucina..addio incentivi per il cliente.Poi per esempio, da noi l’azienda municipale che si occupa del ritiro e smaltimento dei “mobili rottamati”,non fornisce il servizio alle aziende, se dobbiamo rivolgerci a ditte private…i costi aumentano ulteriormente..ed allora ….dove stà tutto l’incentivo?

  14. Alessandra Domenica // Aprile 15, 2010 a 12:50 pm // Rispondi

    Buongiorno,
    ho firmato un contratto per bloccare il prezzo della cucina nel 2008 ma il saldo avviene alla consegna ossia Maggio 2010. Riesco ad ottenere l’incentivo? Grazie per collaborazione.
    Saluti

  15. Redazione NoiRisparmiamo // Aprile 15, 2010 a 5:07 pm // Rispondi

    @stefano: purtroppo su questo punto non sono stati molto chiari, sicuramente le conviene intanto fare la richiesta di abilitazione alla vendita con incentivi, poi sentire il numero verde specifico per i venditori: qui trova maggiori informazioni:
    http://www.noirisparmiamo.com/2010/04/14/incentivi-casa-e-elettrodomestici-2010-si-parte-il-15-aprile/

    @Alessandra: riesce solo se il venditore partecipa alla campagna incentivi e accetta di inoltrarle la domanda anche avendo prenotato prima, deve sentire direttamente lui

  16. Salve, si parla di incentivi sui piani cottura e forni elettrici.
    ho dato l’acconto per una cucina a forno a gas ma non possono andare avanti perchè non si sa se gli incentivi riguardano anche le cucine con forno e piano a gas- sapete nulla a riguardo??

  17. Salve, un negozio online ha varie lavastoviglie in classe AAA ma vuole applicare l’incentivo solo su 3 apparecchi. Può fare questa scelta o l’incentivo deve essere su tutti i prodotti?

  18. Redazione NoiRisparmiamo // Aprile 16, 2010 a 7:27 pm // Rispondi

    @grazia: dovrebbero riguardare anche quelli, ma se ha già dato l’anticipo deve sentire direttamente il venditore per la richiesta dell’incentivo

    @elisa: no non può, deve farlo su tutti gli elettrodomestici nelle classi a, b e superiori. Non può scegliere su quali applicarli.

  19. BUON POMERIGGIO
    STO’ RISTRUTTURANDO UN APPARTAMENTO ED
    A FEBBRAIO HO ORDINATO LA CUCINA CHE AD OGGI NON MI E’ STATA ANCORA NE CONSEGNATA E TANTOMENO DA ME PAGATA.
    SECONDO IL RIVENDITORE ESSENDO L’ORDINE ANTECEDENTE ALL’ENTRATA IN VIGORE DEL DECRETO ECO INCENTIVI, NON NE HO DIRITTO.
    MI POTETE DARE CHIARIMENTI.
    GRAZIE-ELISABETTA

  20. buon giorno sono una rivenditrice, ancora non son riuscita a conoscere qual’è il contatto telematico che devo fare per sapere se il cliente può usufruiredello sconto, premetto che ho aderito
    agli incentivi mediante la registrazione.
    saluti

1 2 3 4 6

Rispondi a Davide Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*