Lifestyle

Come risparmiare sui mobili

I trucchi furbi e gli indirizzi migliori per risparmiare sull'acquisto di mobili per la casa. 5 dritte imperdibili dalla nostra esperta.

I trucchi furbi e gli indirizzi migliori per risparmiare sull’acquisto di mobili per la casa. 5 dritte imperdibili dalla nostra esperta.

cucina grande rossa e bianca

Di recente una coppia di amici ha voluto aiutare il figlio che metteva su casa e mi ha chiesto dei consigli su come risparmiare sui mobili. Il ragazzo cercava casa in affitto, non era sicuro se l’avrebbe condivisa in seguito con un amico per dividere le spese. O se sarebbe andato addirittura a convivere. L’affitto era perciò la scelta migliore.
Ma non sono più i tempi in cui le giovani coppie possono andare dal mobiliere di fiducia e ordinare tutto l’arredamento. Oggi si prende il minimo indispensabile, magari anche a rate (una cosa che sconsiglio!) e si aggiunge il resto un po’ alla volta. A maggior ragione se si tratta di una casa per un giovane single, che potrebbe cambiare luogo di lavoro o situazione sentimentale, in questi casi bisogna essere cauti nella spesa. Fortunatamente ci sono vari modi e posti per risparmiare sull’arredamento.

1 – Ragionare su cosa è indispensabile e cosa si può spostare da una casa all’altra.
Per esempio, per chi è in affitto può essere più ragionevole investire in un ottimo letto e materasso, che si potranno trasferire in altre case. Non ha senso invece investire in una cucina in muratura. Nello stesso modo, va considerato che gli armadi sono traslocabili sono se di buona qualità: ad esempio gli armadi economici Ikea non sopravvivono a smontaggi e rimontaggi. A questi amici ho consigliato di affittare una casa che avesse già la cucina perché è la cosa meno adattabile cambiando casa. E’ anche la più costosa.

2 – Utilizzare i siti online di comparazione prezzi.
Non dare per scontato che il tale negozio sia più economico perché lo dicono in tanti. Potrebbero non essere aggiornati. Siti come Livingo offrono la possibilità di cercare tra centinaia di proposte online e risparmiare molto. Ad esempio, qui ho fatto una ricerca per armadi sotto i 300 euro, già dai primi risultati è chiaro che è facile trovare prezzi bassi con uno strumento di comparazione che permette di vedere in contemporanea tutte le offerte di colossi come Amazon e BonPrix.

3 – Informarsi sulle svendite locali dei mobilifici.
Una cosa che non si trova su internet sono le svendite locali. Informarsi sui mobilifici della propria zona, spesso fanno delle svendite per il cambio collezione o per chiusura. Si possono portare via arredi di qualità a prezzi davvero interessanti. In più, se il mobilificio è a conduzione familiare, potete chiedere uno sconto o contrattare un po’ il prezzo, cosa che con i grandi store non si può fare.

4 – Mercatini dell’usato… con il trucco!
Se il mobile usato non vi spaventa, i mercatini non sono sempre un affare, dipende dalla zona e da cosa si cerca. Alcune catene come Mercatopoli applicano dei prezzi standard che sembrano piuttosto gonfiati, ho visto per esempio un tipo di tavolo usato che costava 120 euro in ogni punto Mercatopoli della mia zona, una casualità un po’ strana! Però c’è un trucco: non comprare subito. Segnatevi il pezzo che vi interessa, magari guardatene di simili in più punti vendita e restate in attesa: una settimana prima della fine vendita il prezzo è contrattabile con il proprietario. La data è scritta sul cartellino. Io sono andata 3 giorni prima della fine e ho fatto un’offerta per 50 euro. Tre giorni dopo mi hanno telefonato dicendo che il proprietario accettava e il tavolo l’ho avuto a soli 50 euro!

5 – Vendite e baratti tra privati, anche online
Bisogna sempre fare attenzione alle truffe evitando di spedire soldi prima di essere andati sul posto e aver visto la merce. Per il resto è tutto molto semplice: iscrivetevi a gruppi di baratto nella vostra zona, tanti funzionano anche via facebook, con persone come voi che hanno il problema opposto. Devono dare via dei mobili e i prezzi possono essere veramente bassi. Mia sorella ad esempio su Subito ha trovato una cassettiera in legno massello a 20 euro. La signora che la vendeva aveva urgenza di svuotare la casa per venderla. Con 50 euro di materiali di restauro ha tirato fuori un mobile bellissimo!  Altri siti interessanti per trovare queste occasioni sono: Freecycle che in Italia funziona ancora poco, Kijii che è meno controllato ma comunque interessante e Zerorelativo che è la community storica di baratto in Italia.

E voi, come avete fatto a risparmiare sui mobili? Sono curiosa di imparare qualche nuovo trucco!

> Cristina Serrani (58 Articoli)
Mamma part-time e da poco nonna a tempo pieno, è una maga nel far quadrare il bilancio della famiglia. Dopo una vita da impiegata part-time, si può finalmente dedicare solo alla famiglia e ai suoi due amatissimi nipotini. Per Noirisparmiamo.com mette a disposizione tutta la sua sapienza nel risparmiare mangiando bene, nel riciclare vecchi oggetti dandogli nuova vita e nell'organizzare la casa e le spese. E' appassionata di botanica ed erboristeria, adora i vecchi film in bianco e nero, la sua grande cucina, il ricamo e le lunghe passeggiate con suo marito sul lungomare.

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*