Lifestyle

Vivere felici in 30 mq in autosufficienza

Le Tiny House, case autosufficienti con l'indispensabile per vivere, sono al centro di un movimento di persone che si sono lasciate alle spalle mutui, bollette e vita spesa a lavorare.

Le Tiny House, case autosufficienti con l’indispensabile per vivere, sono al centro di un movimento di persone che si sono lasciate alle spalle mutui e bollette.

Negli USA si va sempre più diffondendo l’utilizzo delle tiny house, delle case mobili di 20-40 mq in cui c’è tutto lo stretto indispensabile per vivere per due o più persone. Molti degli abitanti che hanno deciso di “vivere in piccolo” dicono che la cosa è tutt’altro che limitativa. Grazie alla minore necessità di cose e di spazi, hanno molto più tempo libero di qualità. Molte di queste persone sono anche autosufficienti, si sono staccate completamente dalle forniture elettriche e di gas: utilizzano pannelli fotovoltaici, acqua di fonte, compost toilet (wc a secco ecologico) e riciclano l’acqua piovana. Alcuni hanno un orto, quasi tutti lavorano solo poche ore a settimana e dedicano il resto ai loro piaceri.

casa portatile di Tiny Heirloom

casa portatile di Tiny Heirloom

tiny heirloom interno

Interni – casa portatile di Tiny Heirloom

La situazione è molto diversa rispetto a quella di chi vive in camper, dove spesso il bagno e la cucina sono spazi piccolissimi che si possono sopportare giusto per una vacanza. Le tiny house, infatti, sfruttando al massimo tutto lo spazio disponibile, riescono ad avere cucine simili a quelle di un normale angolo cottura di casa e dei bagni che sono di dimensioni normali, utilizzabili con frequenza.

tiny home cucina 3

tiny home cucina 2

tiny home cucina 1

 

Non sorprende quindi che le tiny house siano diventate una scelta sempre più interessante per studenti fuori sede, giovani single ma anche intere famiglie che non vogliono lavorare molto solo per pagare un mutuo che gli porta via gran parte della vita. Una scelta che ha visto nascere recentemente un vero e proprio movimento con raduni in America, Canada e Australia.

dee williams tiny house
Tra i promotori più conosciuti del movimento delle tiny house, c’è l’americana Dee Williams, una delle pioniere di questo modo di vivere. Ha anche scritto un libro sull’argomento, “The Big Tiny”, disponibile solo in inglese. In questo libro Dee racconta come vivendo con poche cose ha scoperto come non siano le cose la parte essenziale della vita. Sul suo sito, Pad Tiny Houses, racconta anche come ha costruito da sola la sua casa e parla con chi vuole avvicinarsi a un’esperienza di questo tipo.

zac giffin tiny house

Negli USA il movimento sta prendendo piede anche grazie al programma di Zac Giffin, il proprietario della tiny house nell’immagine sopra, che conduce i telespettatori tra le tiny house del paese, diventato ormai un programma cult per chi vuole vivere in modo sostenibile. Alcune puntate si possono vedere online sul loro sito Tiny House Nation, in inglese. Ma voci dicono che la serie sarà disponibile prossimamente sul canale Travel&Living in italiano, dove è già andato in onda l’altro programma cult “La mia nuova vita in campagna“.

Curiosi di vederne una all’interno? Se non volete costruirla da soli, ci sono diverse aziende che le consegnano già pronte e con le autorizzazioni necessarie a muoverle su strada. Una di queste, la Tiny House Chattanooga ha appena terminato questa tiny home funzionale e compatta. Buona visita!

Tiny house Chattanooga esterno

 

Tiny house Chattanooga esterno

Tiny house Chattanooga interno
Tiny house Chattanooga interno piano inferiore

Tiny house Chattanooga interno cucina e scale

Schermata 2015-10-06 alle 10.31.49

Tiny house Chattanooga interno cucina e scale

Schermata 2015-10-06 alle 10.32.47

Tiny house Chattanooga interno cucina e scale

Schermata 2015-10-06 alle 10.33.13

Schermata 2015-10-06 alle 10.33.30

Tiny house Chattanooga bagno

Un modo insolito e molto sostenibile di vivere, con meno costi e meno necessità di cose inutili… lo spazio per metterle è limitato!

> Michela Beretta (59 Articoli)
Michela Beretta. Nata a Bergamo, si trasferisce a Milano per conseguire una laurea in Lettere e un master in giornalismo, ma dopo una decina d’anni nella metropoli e nelle redazioni milanesi, decide di tornare nel suo piccolo paesino in Val Brembana. Coniuga l’attività di giornalista libero professionista con la passione per la pittura, il cucito creativo e l'arredamento d'interni … in particolare ecologico! Ricicla di tutto e recupera vecchi oggetti per sé e per le amiche, divertendosi a reinventarne gli usi e le collocazioni. Nel tempo libero ama passeggiare nei boschi e visitare i piccoli borghi con il cavalletto sempre in spalla, fermandosi qui e là per dipingere le sue valli. Vive in una piccola casa di pietra e legno con il marito e due pestiferi barboncini meticci, Nerone e Caligola. Collabora con la redazione di NoiRisparmiamo curando gli articoli dedicati all'home design e alle novità eco per la casa.

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*