Lifestyle

COME RINFRESCARE UNA STANZA SENZA ARIA CONDIZIONATA

Come rinfrescare la casa senza installare un impianto di aria condizionata

rinfrescare una stanza senza aria condizionata noirisparmiamo.com

E’ possibile rinfrescare la casa senza installare un impianto di aria condizionata? Oggi sono in molti a farsi questa domanda, sia per il costo degli impianti che per l’impossibilità di fare questo tipo di interventi in case in affitto. Ci sono però diverse strategie, alcune ‘della nonna’, per tenere più fresche le nostre case. In più, qualche trucco moderno a basso costo!

  1. Non tenere le finestre spalancate. Accosta le imposte o abbassa un po’ le tapparelle, tieni i vetri accostati e non spalancati. L’aria nella stanza sarà meno calda in penombra che lasciando passare la luce diretta (riscaldante) del sole.
  2. Installa delle mantovane o delle tapparelle interne in bamboo: costano poco, sono belle e aiutano molto a tenere una stanza fresca. Nei paesi tropicali più caldi sono infatti utilizzate per far filtrare l’aria nelle stanze lasciando fuori il caldo del sole. Ormai ci sono in vendita modelli da 12,00 e 15,00 euro e si fissano sopra alle finestre, nel muro, con chiodi o tasselli, senza rovinare l’intelaiatura della finestra. A fine stagione si possono togliere semplicemente sfilandole dai supporti.
  3. Posiziona i ventilatori in modo strategico. Molti sbagliano posizionando il ventilatore vicino a sé o al centro della stanza. La posizione migliore è quella che colloca il ventilatore tra la porta della stanza (aperta) e la finestra (socchiusa e ombreggiata come sopra). In questo modo, tenendo il ventilatore al minimo, si crea un ciclo continuo di arieggiamento della stanza che dà una sensazione di fresco ovunque, non solo vicino al ventilatore.
  4. Utilizza un ventilatore a soffitto. Durante la stagione estiva il lampadario della camera da letto si può sostituire con un ventilatore a soffitto che lasciato andare al minimo produce una brezza costante e rinfrescante, senza il getto d’aria diretta dei classici ventilatori a piantana. Anche di questi ne esistono ormai di economici, dai 25 euro in su.
  5. Nelle stanze in cui il sole batte tutto il giorno sui muri esterni, installa delle tende da sole all’esterno delle finestre e balconi. Anche qui, si può evitare di ricorrere ai modelli più costosi: ci sono tipi di tende da sole per finestre e balconi che costano poco, alcune tende a rullo per esterni costano ormai sui 30-40 euro come questo modello. In alcuni casi non è necessaria nemmeno l’approvazione del condominio perché non sono strutture permanenti, ma mobili. Anche questi tipi, come le tende interne di bamboo, sono facilissimi da installare.
  6. Evitare cotture lunghe in cucina e l’uso del forno. Anche se la cucina è in una stanza a parte, alzare la temperatura lì con cotture lunghe alza la temperatura anche nel resto della casa. Ricordiamoci poi che il caldo percepito è maggiore se si pranza con pietanze calde piuttosto che con pietanze fredde, frutta fresca e verdura fresca. In alternativa, concentrare la cottura nelle prime ore del mattino, quando l’aria è ancora fresca e si può ancora rinfrescare l’ambiente dopo la cottura.
  7. Spegnere le luci e i led di stand-by. Anche le lampadine scaldano e così l’utilizzo della luce elettrica o diversi elettrodomestici lasciati in stand-by. Meglio accendere le luci solo tardi, rimandando le attività che richiedono luce al giorno, quando quella naturale è già disponibile.
  8. Fare la borsa raffredda-letto. Basta lasciare due bottiglie di acqua in freezer e prima di andare a dormire avvolgerle in un asciugamano, posizionandole sotto il lenzuolo: raffreddano il letto e sono una fonte di fresco per tutta la notte. E’ un metodo delle nonne, utilissimo per le notti calde 😉
  9. Il metodo delle tende bagnate. In India, nel periodo coloniale, gli inglesi appendevano davanti alle finestre dei lenzuoli o tende bagnate e strizzate: le tende asciugavano nella notte ma l’effetto era quello di rinfrescare le camere, grazie alla brezza che entrava dalle finestre calda e veniva ‘filtrata’ dalla tenda bagnata, arrivando fresca a chi soggiornava nella stanza. Provare per credere.
  10. Essenza di menta piperita. Mettere nella stanza un brucia-essenze con olio essenziale di menta piperita: è un trucco inganna-mente, la temperatura non si abbassa ma noi percepiamo molto meno caldo. In più, allontana mosche e zanzare, quindi doppio beneficio! Attenzione che sia vera essenza naturale di menta piperita e non l’essenza o il profumo per la casa che vendono nei supermercati e mercatini.

 

> Cristina Serrani (58 Articoli)
Mamma part-time e da poco nonna a tempo pieno, è una maga nel far quadrare il bilancio della famiglia. Dopo una vita da impiegata part-time, si può finalmente dedicare solo alla famiglia e ai suoi due amatissimi nipotini. Per Noirisparmiamo.com mette a disposizione tutta la sua sapienza nel risparmiare mangiando bene, nel riciclare vecchi oggetti dandogli nuova vita e nell'organizzare la casa e le spese. E' appassionata di botanica ed erboristeria, adora i vecchi film in bianco e nero, la sua grande cucina, il ricamo e le lunghe passeggiate con suo marito sul lungomare.

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*