Lifestyle

I 20 PEGGIORI ALBERI DI NATALE CON OGGETTI DI RECUPERO

I 20 peggiori alberi di Natale improvvisati con materiali di recupero: dalla scala al bagno chimico, dalle scarpe al posto delle palline fino allo stendipanni. Una carrellata di realizzazioni tra il kitsch e il divertente.

20 alberi di natale più brutti - albero in testa

Non saranno i più belli mai visti e alcuni fanno ridere di gusto, ma alla fine il Natale non è anche allegria? Allora godiamoci questa carrellata di alberi di Natale non tutti chic e alcuni un po’ horror… ma fatti con il cuore! E chissà mai che qualcuno non trovi così un’idea migliorabile per il suo albero fai da te.

 

1. L’albero in tv. Pulito, poco ingombrante, economico. Più di così… ha anche l’effetto neve! Niente aghi di pino in giro per casa.

 

I 20 peggiori alberi di Natale - Albero al plasma

 

2. Lo stendipanni addobbato. Nei migliori salotti e riviste di design.

 

I 20 peggiori alberi di Natale - Albero stendipanni

 

3. L’albero di Natale dei vicini di casa eleganti che tutti vorremmo avere.

 

I 20 peggiori alberi di Natale - lattine

 

4. Cassette da frutta e una sfera da discoteca.

 

I 20 peggiori alberi di Natale - Cassette frutta

 

5. La scala addobbata va molto. Eccola nella versione scarpa-birillo-cerchione d’auto. Glamour.

 

I 20 peggiori alberi di Natale - scala

 

6. Non avete nemmeno una scala? Potete addobbare il bagno chimico!

 

I 20 peggiori alberi di Natale - bagno chimico

 

7. Neanche il bagno chimico vi soddisfa? Un birillo stradale allora potrebbe fare al caso vostro. Occupa poco spazio, la forma è ideale e una volta terminate le feste, potete rimetterlo sul marciapiede.

 

I 20 peggiori alberi di Natale - birillo

 

8. Lo stile fiesta messicana è di gran moda. E se  finite lo spazio in dispensa i fajitas liofilizzati vanno sull’albero della fiesta.

 

I 20 peggiori alberi di Natale - fiesta messicana

 

9. Una tartaruga ninja che rigurgita lattine. Quel tocco raffinato che vi copieranno in tanti.

 

I 20 peggiori alberi di Natale - tartaruga ninja

 

10. Per chi non vuole proprio separarsi dal suo albero e tenerlo con sé in ogni ora del giorno.

 

I 20 peggiori alberi di Natale - in testa

 

11. 15 grucce di plastica e una confezione da 15 palline possono rovinare per sempre l’immagine di un negozio. Specialmente se non è una tintoria.

 

I 20 peggiori alberi di Natale - grucce

 

12. Palline finite? Si appendono le scarpe. Contando sul profumo di pino…

 

I 20 peggiori alberi di Natale - scarpe

 

13. Nastro adesivo verde e una fila di luci. Quasi geniale.

 

20alberonatale_noirisparmiamo8

 

14. Casomai non abbiate trovato un carrello libero al supermercato… albero in allestimento.

 

20alberonatale_noirisparmiamo7

 

15. L’albero a tema cantiere.

 

20alberonatale_noirisparmiamo6

 

16. L’albero più amato dagli automobilisti in versione ghirlanda

 

20alberonatale_noirisparmiamo4

 

17. Uno studio medico inquietante…

 

20alberonatale_noirisparmiamo2

 

18. L’albero che ha richiesto più genio e ore di lavoro

 

20alberonatale_noirisparmiamo1

 

19. Un’altra versione horror della scala, quest’anno va molto, non c’è niente da fare. Qui in versione palco festoso per l’impiccato.

 

20alberodinatale_noirisparmiamo9

 

20. Cono di bicchieri di plastica. C’è sempre il collega che lo fa, non si scappa.

 

20alberodinatale_noirisparmiamo5

> Michela Beretta (59 Articoli)
Michela Beretta. Nata a Bergamo, si trasferisce a Milano per conseguire una laurea in Lettere e un master in giornalismo, ma dopo una decina d’anni nella metropoli e nelle redazioni milanesi, decide di tornare nel suo piccolo paesino in Val Brembana. Coniuga l’attività di giornalista libero professionista con la passione per la pittura, il cucito creativo e l'arredamento d'interni … in particolare ecologico! Ricicla di tutto e recupera vecchi oggetti per sé e per le amiche, divertendosi a reinventarne gli usi e le collocazioni. Nel tempo libero ama passeggiare nei boschi e visitare i piccoli borghi con il cavalletto sempre in spalla, fermandosi qui e là per dipingere le sue valli. Vive in una piccola casa di pietra e legno con il marito e due pestiferi barboncini meticci, Nerone e Caligola. Collabora con la redazione di NoiRisparmiamo curando gli articoli dedicati all'home design e alle novità eco per la casa.

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*