Lifestyle

LA LAMPADINA AUTOPRODOTTA CHE ILLUMINA GRATIS CAPANNI, BUNGALOW, CASETTE DA GIARDINO E CUCCE

Iscriviti al mio canale Youtube

Un ingegnoso quanto semplice sistema alla portata di tutti per illuminare gratis una stanza con una bottiglia e dell’acqua. Arriva dalle favelas questo sistema di illuminazione a impatto zero.

lampadina, lampadina dei poveri, bottiglia, capanno, garage, casetta legno

Un sistema ingegnoso quanto semplice, realizzato da un umile meccanico che vive in una favela, Alfredo Moser,Ai??diventa utile anche per noi se vogliamo illuminare gratis un capanno in giardino, un bungalow, la classica casetta da giardino o… la cuccia del cane, che non sempre A? apribile da sopra e a volte proprio difficile da pulire bene!
Ovviamente ci sono sistemi di illuminazione senza fili, a energia solare, come quelli che sfruttano un piccolo pannello esterno che alimenta un led all’interno. I costi per questi prodotti vanno dai 50 ai 100 euro e piA?. Ma A? possibile realizzare qualcosa di completamente gratis riciclando poche cose che abbiamo in casa.

L’idea di Alfredo Moser A? stata quella di utilizzare la luce solare e l’acqua generic cialis ireland. per diffondere luce all’interno di baracche in lamiera senza finestre. Illumina molto di piA? di un semplice foro e non lascia passare la pioggia o il freddo. Nel video sotto si vede bene la differenza e quanto puA? illuminare un piccolo sistema come questo. Il sistema si puA? sfruttare facilmente per tutte quelle situazioni in cui la spesa di un led a energia solare viagra price in bangladesh, viagra price in bangladesh, viagra price in bangladesh, viagra price in bangladesh, viagra price in bangladesh, viagra price in bangladesh. o di un impianto sarebbero troppo, oppure in situazioni di emergenza o provvisorie.

lampadina, lampadina dei poveri, bottiglia, capanno, garage, casetta legno, cuccia cane, tetto

Servono pochi elementi, tutti riciclati:

 

Qui il filmato completo della costruzione delle erection pills pay with checking. bottiglie-lampadina, comprensibile anche senza sapere la lingua.

Il filmato pubblicizza la campagna benefit della onlus creata per permettere agli abitanti delle favelas colombiane e ora anche brasiliane di avere luce nelle baracche con questo sistema, invece che pagando le bollette della luce durante le ore di sole. Il sistema di Alfredo Moses A? diventato famoso con il nome di “lampadina dei poveri“.

 

> Federico Rossi (157 Articoli)
Sociologo e giornalista con la passione per la sostenibilità ambientale e un passato da selezionatore del personale per una multinazionale. Dal 2006 si diverte lavorando come freelance per diverse agenzie di Milano. Per NoiRisparmiamo si occupa dal 2012 di scovare tutti i fondi statali, gli incentivi e i metodi per pagare meno tasse, oltre a coordinare il lavoro della Redazione.

4 Commenti su LA LAMPADINA AUTOPRODOTTA CHE ILLUMINA GRATIS CAPANNI, BUNGALOW, CASETTE DA GIARDINO E CUCCE

  1. Per cortesia fate sapere che il “sigillare il foro” è l’operazione più delicata e sicuramente più costosa dell’Opera in sè; forare una copertura, anche se di semplice lamiera, è semplice, fare in modo che “dopo” aver praticato il foro ed inserita la bottiglia non ci piova più…è tutt’altra cosa. Voi Vi fareste bucare il tetto di casa Vostra così semplicemente ? O pensate che una goccia in più o in meno dentro una capanna non faccia differenza!

  2. Redazione NoiRisparmiamo // Dicembre 5, 2013 a 5:12 pm // Rispondi

    Come vedi dal filmato, Angelo, la sigillatura tiene benissimo. Il fatto che la bottiglia non deve essere crepata o bucata e che la sigillatura va fatta a tenuta stagna lo diamo per scontato, sarebbe dare degli stupidi ai nostri lettori se continuassimo a sottolineare delle banalità del genere 🙂 Siamo convinti invece che i lettori di questo sito siano molto intelligenti e ci arrivino da soli al fatto che se non si sigilla bene piove dentro 😉

  3. Angelo ma perchè non vai a rompere da un’altra parte! Beota Italiota

  4. Ovviamente questo tipo di lampadina empirica funziona solo di giorno.. L’articolo non lo dice ma credo sia chiaro!

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*