Lifestyle

SPENDERE MENO CON IL BIO: LE BIODOMENICHE

Il biologico costa tantissimo, i cibi biologici sono cari, come fare quindi a spendere meno? Impariamo ad approfittare delle vendite dirette da produttore a consumatore, per esempio. Un'ottima occasione sono le biodomeniche organizzate dall'AIAB, Associazione Italiana Agricoltura Biologica. Promuovere il consumo di prodotti sicuri e di qualità, legati al territorio, e parlare di ambiente, di tutela della biodiversità, di salute, di alimentazione e gusto, di benessere animale, di consumo critico e responsabile, di commercio equo e solidale e di finanza etica. Questi gli obiettivi con cui l'Aiab (Associazione Italiana per l'Agricoltura Biologica) in collaborazione con Coldiretti e Legambiente organizza per il 3 ottobre 2010 l'11ma edizione della ‘Biodomenica 2010’. Le iniziative si svolgeranno nelle piazze delle maggiori città italiane dove si potranno degustare le migliori produzioni biologiche, incontrare i produttori per ricevere informazioni sulle tecniche di produzione e sulle caratteristiche degli alimenti biologici. Il tema di quest'anno sarà il “Glocal”. Il biologico cioè si pone come una grande opportunità che partendo dal locale, valorizzando il sapere locale, la biodiversità ed il risparmio energetico, risponde a livello globale alla grande crisi climatica, alimentare ed economico-sociale. Il manifesto della prossima Biodomenica:

3 Ottobre 2010 torna la Biodomenica

Parlare di agricoltura biologica significa parlare di ambiente, di tutela della biodiversità, di salute, di alimentazione e gusto, di benessere animale, di consumo critico e responsabile, di commercio equo e solidale e di finanza etica. Per queste ragioni l’Aiab (Associazione Italiana per l’Agricoltura Biologica) in collaborazione con Coldiretti e Legambiente organizzano per il 3 ottobre 2010 l’UNDICESIMA edizione della Biodomenica.
Gli obiettivi
Una giornata nazionale per promuovere il consumo di prodotti sicuri e di qualità, legati al territorio, alle sue tradizioni e alla sua cultura. Un evento per far conoscere le tecniche produttive e le pratiche agronomiche ecocompatibili, la loro praticabilità in tutto il pianeta, e la loro capacità di favorire un’equa ripartizione delle risorse, garantendone la loro conservazione per le generazioni future. La Biodomenica ha l’obiettivo di favorire l’incontro tra il mondo agricolo e i cittadini/consumatori, per creare con loro un movimento di opinione in grado di orientare il mercato e le istituzioni.
Come è organizzata la Giornata
Le iniziative si svolgeranno nelle piazze delle maggiori città italiane dove si potranno degustare le migliori produzioni biologiche, incontrare i produttori per ricevere informazioni sulle tecniche di produzione e sulle caratteristiche degli alimenti biologici.
In ogni città l’iniziativa sarà caratterizzata dalle produzioni tipiche locali: a Napoli si potrà gustare la pizza fatta con ingredienti bio, a Genova il pesto biologico, a Roma il vino dei Castelli, a Firenze l’olio e il farro, in Sardegna i malloreddus e il torrone…
I consumatori protagonisti delle scelte alimentari
Oggi siamo davanti ad un bivio che pone i governi e i consumatori di fronte ad una scelta strategica: la diffusione su vasta scala di un’agricoltura intensiva geneticamente manipolata oppure la promozione di un’agricoltura sostenibile in grado di produrre alimenti sani e di qualità. La Biodomenica vuole contribuire a fare le giuste scelte, e ciò sarà tanto più possibile quanto più consumatori si mobiliteranno in tal senso.
La Biodomenica è un’occasione per farlo.
Chiunque fosse interessato a contribuire alla riuscita dell’iniziativa può contattare l’AIAB (06.45437485-6-7 – biodomenica@aiab.it )

> Cristina Serrani (58 Articoli)
Mamma part-time e da poco nonna a tempo pieno, è una maga nel far quadrare il bilancio della famiglia. Dopo una vita da impiegata part-time, si può finalmente dedicare solo alla famiglia e ai suoi due amatissimi nipotini. Per Noirisparmiamo.com mette a disposizione tutta la sua sapienza nel risparmiare mangiando bene, nel riciclare vecchi oggetti dandogli nuova vita e nell'organizzare la casa e le spese. E' appassionata di botanica ed erboristeria, adora i vecchi film in bianco e nero, la sua grande cucina, il ricamo e le lunghe passeggiate con suo marito sul lungomare.

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*