Lifestyle

DIDO’ O PONGO FAI-DA-TE E IL PROGETTO DEPURIAMO

DEPURIAMO è un interessante progetto "DEnaro PUlito RIgenerato con AMOre" ovvero pochi e semplici strumenti per re-inventare gli oggetti che abbiamo in casa o che abbiamo creato con le nostre mani: • Un’etichetta di stoffa e una adesiva con cui marchiare gli oggetti • Un cartellino da applicare agli oggetti con una prima spiegazione del progetto • Un segnalibro dedicato al riuso dei libri • Un depliant per spiegare il progetto • Un certificato con cui illustrare la storia affettiva del prodotto (li trovate tutti qui nell'apposita sezione) E per capire meglio, concretamente, l'innovazione di Depuriamo, ve lo presentiamo con la ricetta del pongo/didò fai da te! Atossico, economico e ... divertentissimo!!!

Il didò fatto in casa è a mio parere il pongo morbido più godurioso che ci sia: morbidissimo, si scalda con l'uso e mantiene il calore, duttile, piacevolissimo, dura tantissimo se conservato in frigo e forse anche fuori dal frigo, costa pochissimo perchè lo si fa in casa e strapiace ai bimbi di tutte le età!! Postiamo una ricetta universale che si trova un pò in ogni dove, noi la preleviamo direttamente dal blog di Caludia, che siam pigri e non abbiam voglia di scriverla un'ennesima volta! Ricetta casalinga


Occorrente:

2 tazze di farina,
1 tazza di sale fino,
1/2 tazza di Maizena (amido si mais, al supermercato è nella zona lieviti e ausili per dolci),
2 cucchiai di olio,
2 cucchiai di polvere cremortartaro (in farmacia o drogheria),
2 tazze d’acqua,
coloranti alimentari (al supermercato nella stessa zona della maizena).
Mescolare gli ingredienti nell’ordine descritto, tenendo da parte i coloranti.
Scaldare in un pentolino a fuoco medio per 3-4 minuti.
Dividere l’impasto in parti corrispondenti ai colori che si hanno a disposizione, poi aggiungere i coloranti ai singoli pezzi, impastando a mano a mano.
Se ne ricava una pasta molto morbida e piacevole al tatto, molto duttile.
Posta in frigorifero in un barattolo di vetro o in una busta di plastica dura circa 6mesi.
Se si secca un poco è sufficiente bagnare la mano di acqua e poi re-impastare la pasta che ritorna morbida.

Appena fatta è un poco appicciccosa, vi chiederete forse se avete sbagliato tutto.. Portate pazienza e giocate, vedrete che nel giro di pochi minuti la magica pastella raggiungerà la giusta consistenza.

Se per caso risultasse un pò troppo appicciccosa, aggiungete MAIZENA, è l’ingrediente che fa si che la pastella si rassodi e non si attacchi alle mani. Aggiungere altri ingredienti peggiora il guaio.

E’ anche un lavoretto carino da fare con i bimbi, si insegna loro a creare le cose invece che comprarle, e in questo caso l’operazione è talmente chiara e veloce che rimane loro impresso il procedimento e il risultato: Dire Fare Creare!

… e fin quà ci si può avvalere dei validi aiutanti…

Certo va da se che se non aiutano si fa prima eh?!


L’operazione di spignattamento con bimbo in agguato non ha reso possibile la ripresa fotografica della corretta sequenza, ecco quindi le pagnottelle di didò a crudo del colore, pronte per giocare o per essere colorate. In genere i coloranti sono di color blu, rosso, giallo. Con giallo e blu uniti ricavate anche il verde.


Idem come sopra: la delicata operazione del bimbo che colora con sue manine il didò non ha permesso anche di compiere il servizio fotografico, ecco dunque il risultato finale.
Dalla faccia di Alessandro si vede la soddisfazione!

Yuppyyyyy si giocaaaa!


e quà si fa sul serio… formine e tortelle a gogò

Buon didò a tutti!!!


> Cristina Serrani (58 Articoli)
Mamma part-time e da poco nonna a tempo pieno, è una maga nel far quadrare il bilancio della famiglia. Dopo una vita da impiegata part-time, si può finalmente dedicare solo alla famiglia e ai suoi due amatissimi nipotini. Per Noirisparmiamo.com mette a disposizione tutta la sua sapienza nel risparmiare mangiando bene, nel riciclare vecchi oggetti dandogli nuova vita e nell'organizzare la casa e le spese. E' appassionata di botanica ed erboristeria, adora i vecchi film in bianco e nero, la sua grande cucina, il ricamo e le lunghe passeggiate con suo marito sul lungomare.

4 Commenti su DIDO’ O PONGO FAI-DA-TE E IL PROGETTO DEPURIAMO

  1. Bello! 🙂
    Qualcuno ha esperienza con i coloranti fatti in casa (tipo succo di mirtillo, di carota, etc.)?

  2. Redazione NoiRisparmiamo // agosto 22, 2010 a 7:41 pm // Rispondi

    io ho provato a fare il giallo con zafferano e anche con curcuma, ne basta pochissimo. Per il marrone uso l’orzo, quello in polvere da sciogliere in acqua (visto che lo bevo anche 🙂 ) e ho tinto dei fiori secchi che erano beige con il verde ottenuto dal té verde e il fucsia del karkadé

  3. Grazie! Voglio provare coi colori naturali e fare qualche foto. 🙂

    • Redazione NoiRisparmiamo // agosto 24, 2010 a 2:32 pm // Rispondi

      fantastico, tienici aggiornati sui tuoi esperimenti, magari li condividiamo sul blog se ti va 🙂 così magari anche altri si fanno coinvolgere a inquinare meno!

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*