Lifestyle

INCENTIVI STATALI ADSL 2010: ECCO QUALI SONO LE OFFERTE PIU’ CONVENIENTI

A distanza di diversi anni il Consiglio dei Ministri ha varato nuovamente un piano di incentivi per sottoscrivere gli abbonamenti Internet, con l’intenzione di spronare alla diffusione domestica della rete. Il contributo goverantivo previsto, relativamente agli incentivi sulla connettività Internet è di 20.000.000 di euro in totale.

I provider italiani si sono subito adeguati a quanto deliberato dal Consiglio dei Ministri e hanno già iniziato a erogare gli incentivi previsti sotto forma di bonus del valore di 50 euro e riservati ai giovani fra i 18 e i 30 anni di età, che si avvicinano alla connettività Internet. In pratica: basta che l’intestatario del contratto o della chiavetta sia tra i 18 e i 30 anni, quindi in molte famiglie basterà intestare ai figli.

Gli incentivi statali per gli abbonamenti Internet, secondo quanto annunciato dal Consiglio dei Ministri finiranno il 31 dicembre 2010; tuttavia trattandosi di incentivi ad esaurimento, potrebbero terminare ben prima della fine prevista, quindi è bene non perdere tempo per non rischiare di restare senza incentivi. (Per gli altri incentivi 2010 trovi le guide specifiche qui: incentivi casa 2010incentivi elettrodomestici 2010incentivi cucine 2010).

Come funziona esttamente, come si ottengono? Facilissimo. Il provider, Telecom o altri,  prima di concludere la vendita, verificherà la disponibilità degli incentivi direttamente sui canali ministeriali, e comunicherà al Cliente la possibilità di utilizzo degli incentivi. Se la risposta è positiva, l’incentivo diventa uno sconto immediato sul prezzo d’acquisto. Se invece la risposta è negativa, il Cliente non ha l’obbligo di sottoscrivere il contratto a prezzo pieno.

Non rimane quindi che scegliere il contratto più vantaggioso, cosa non sempre facile. Quali sono le offerte più convenienti, in relazione alle esigenze dei consumatori? A questo proposito è stato condotto uno studio da Il Salvagente in collaborazione con Sos Tariffe, focalizzato solo sulle chiavette Internet, l’argomento più difficile da capire in tema di incentivi. Infatti mentre per i prezzi dei contratti basta solo paragonarli, per le chiavette la questione non è così semplice.

Tre i profili presi in esame dallo studio: Navigazione intensiva: almeno 300 ore al mese/traffico limitato (circa 10 ore al giorno). Navigazione quotidiana: almeno 100 ore al mese (circa 3 ore al giorno). Navigazione occasionale: almeno 28 ore al mese (circa 1 ora al giorno).

Navigazione intensiva. L’offerta più conveniente è Tre Time Large di 3 Italia: 24 mesi di abbonamento con 300 ore al mese a 19 euro mensili, i primi sei mesi a 9 euro al mese con gli incentivi, costo annuo di 168 euro. A seguire, Fastweb naviga mobile a volume: 24 mesi di abbonamento, 5 GB di traffico al mese a 19 euro mensili, con chiavetta da 1 euro, 50 euro di bonus, costo annuo di 179 euro.

Navigazione quotidiana. La proposta più economica è di Wind Mega 100 ore: ricaricabile, 100 ore al mese per 15 euro mensili, i primi 3 mesi scontati a 7,50 euro con promozione Mega 50, costo annuo di 107,50 euro. Con 50 centesimi in più (108 euro di costo annuo), 3 Italia propone Tre Time Medium: 24 mesi di abbonamento, 100 ore al mese a 14 euro mensili, i primi sei mesi a 4 euro.

Navigazione occasionale. L’offerta più conveniente è SuperWeb Time con opzione Naviga 3 Time di 3 Italia: ricaricabile, valida su Internet key Huawei E1550 e ZTE MF627, 7 ore di traffico a settimana, navigazione di un anno gratuita (due mesi di traffico inclusi + 10 mesi gratis grazie all’incentivo). Costo annuo: 49 euro. E poi c’è Wind Mega ore, con un costo annuo di 83,50 euro: ricaricabile, 50 ore al mese a 9 euro mensili, i primi 3 mesi a metà prezzo.

> Federico Rossi (157 Articoli)
Sociologo e giornalista con la passione per la sostenibilità ambientale e un passato da selezionatore del personale per una multinazionale. Dal 2006 si diverte lavorando come freelance per diverse agenzie di Milano. Per NoiRisparmiamo si occupa dal 2012 di scovare tutti i fondi statali, gli incentivi e i metodi per pagare meno tasse, oltre a coordinare il lavoro della Redazione.

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*