Lifestyle

ATTENZIONE AGLI SCONTRINI NEI SUPERMERCATI: NON SEMPRE GLI SCONTI VENGONO RISPETTATI!

scontrino_fiscale.jpg
Ci segnalano diversi nostri lettori che spesso le offerte promozionali dei supermercati vengono smentite dagli scontrini. A quanto pare, diverse catene come Auchan, Bennet e Carrefour hanno ridotto i controlli sul personale e capitano spesso delle 'dimenticanze' nell'applicare gli sconti, stranamente solo a carico del cliente. Se per esempio la colomba è in offerta a 1 euro e costava 3,50 vi ritroverete con buona probabilità 3,50 anche sullo scontrino. Molti non controllano e un paio di euro su una spesa settimanale possono sfuggire. Inoltre, anche accorgendosene, non tutti hanno voglia di affrontare la lunga fila al banco informazioni per farsi rimborsare un paio di euro, pensando magari di fare anche la figura dei poveri. E' invece un diritto sacrosanto, perché il prezzo esposto deve essere assolutamente rispettato e sono previste pesanti sanzioni per chi espone un prezzo e ne fa pagare un altro, anche se in buona fede e anche se si tratta solo di un errore. Quindi, quattro consigli di base:
  1. quando vedete una promozione/sconto, non date per certo che mettendo il prodotto nel carrello sarà automatico usufruirne: controllare che anche sullo scontrino il prodotto venga battuto alla stessa cifra riportata sullo scaffale;
  2. controllate sempre lo scontrino PRIMA di uscire dal supermercato e se ci sono incongruenze come sconti non applicati rivolgetevi immediatamente al banco informazioni (non alla cassiera che non può fare nulla);
  3. se il problema si ripresenta un paio di volte, cambiate supermercato e informatene tutti i conoscenti, in modo che controllino anche loro gli scontrini prima di uscire;
  4. informate le associazioni di consumatori: alcune si stanno già muovendo contro questo fenomeno che sembra diffondersi sempre di più. Fornite la vostra testimonianza, non serve che vi esponiate personalmente ma molti messaggi sullo stesso problema possono servire a farli intervenire. Potete informarne anche le forze dell'ordine ma in genere non intervengono su segnalazione di un singolo, mentre potrebbe intervenire la Guardia di Finanza su segnalazione di un'associazione consumatori.
Di seguito, a titolo di esempio, la lettera di una signora molto attenta pubblicata su Il Messaggero nello scorso gennaio, che denuncia proprio il ripetersi di questa situazione: compra i prodotti in offerta e sullo scontrino si ritrova il prezzo pieno.


Gentile Signor Direttore,
Volevo portare alla conoscenza di tutti i lettori di questo giornale, cio’ che capita a me, quando cerco di acquistare nei supermercati le “Offerte Speciali”, tanto pubblicizzate sui volantini che ci vengono recapitate, ogni giorno, nelle nostre cassette postali. Ogni volta che controllo lo scontrino delle offerte in questione, trovo delle “dimenticanze”. Anche oggi al Supermercato Auchan, la prima offerta speciale del volantino, veniva conteggiata sullo scontrino con il prezzo pieno, cioe’ euro 1.29 anziche’ euro 0.89. Se non avessi riscontrato subito l’errore e contestato all’ufficio addetto, avrei perso ben 1,60 euro (avendo acquistato 4 pezzi). Per chi come me, vive di una pensione di vecchiaia di 420 Euro mensili e fa’ affidamento su queste offerte giornalmente, non e’ certo poco. E’ da un po’ di tempo che, ormai, controllo sistematicamente gli scontrini con quanto proposto nelle offerte speciali, trovando sempre qualche errore a mio sfavore. La mia esperienza di lavoro per circa 30 anni proprio in questi grandi supermercati, mi permette di asserire che attualmente non esistono controlli sul lavoro del personale preposto, allo scopo di poter risparmiare sulle spese totali. E noi, poveri utenti, paghiamo sempre di piu’.

Consiglierei quindi i lettori del Messaggero, di porre piu’ attenzione agli scontrini e….reclamare, reclamare, reclamare sempre.
Cordialita’

Anna Maria Gasperini

> Federico Rossi (157 Articoli)
Sociologo e giornalista con la passione per la sostenibilità ambientale e un passato da selezionatore del personale per una multinazionale. Dal 2006 si diverte lavorando come freelance per diverse agenzie di Milano. Per NoiRisparmiamo si occupa dal 2012 di scovare tutti i fondi statali, gli incentivi e i metodi per pagare meno tasse, oltre a coordinare il lavoro della Redazione.

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*