Lifestyle

… E BABBO NATALE PORTA I BUONI VACANZA DA PARTE DEL GOVERNO

Buoni vacanza per le famiglie economicamente più deboli per trascorrere le vacanze tranne che nel comune di residenza e in periodi di bassa stagione. Come ribadito oggi stesso dal Ministro Brambilla si tratta di un contributo da 250 a 500 euro, a seconda del reddito e numero di figli e riguarderà circa 20 mila famiglie. Il tutto dal prossimo anno e per quanto ci riguarda con l'auspicio che siano garantiti sistemi di garanzia e di trasparenza per l'accesso agli stessi. Il Ministro Brambilla ha anche previsto un sito web dedicato all'iniziativa: buonivacanze.it in cui si trovano tutte le informazioni dettagliate per accedere a queste agevolazioni. Hanno diritto ai Buoni i cittadini italiani, regolarmente residenti in Italia, appartenenti a nuclei familiari che alla data della richiesta di emissione dei buoni vacanza rientrano nelle previsioni socio-economiche di cui nell’art. 4 del predetto DPCM 21 ottobre 2008.  (vedi di seguito)

buoni vacanza governo

Il contributo può essere erogato una sola volta per nucleo familiare sullo stanziamento fissato dalla legge 24 dicembre 2007, n. 244.

Il contributo statale previsto dall’art. 1 del medesimo decreto è erogato in percentuale al valore dei buoni richiesti, nella misura specificata nella predetta tabella fino ad esaurimento dei fondi disponibili, sulla base del criterio di priorità cronologica di inoltro della richiesta stessa, contestuale al versamento dell’importo residuo a carico del richiedente.

Ogni anno il Dipartimento per il Turismo indica i parametri relativi all’utilizzo dei buoni vacanze assistiti dal contributo statale nell’anno successivo.

Qui la tabella dettagliata per gli aventi diritto.

> Federico Rossi (157 Articoli)
Sociologo e giornalista con la passione per la sostenibilità ambientale e un passato da selezionatore del personale per una multinazionale. Dal 2006 si diverte lavorando come freelance per diverse agenzie di Milano. Per NoiRisparmiamo si occupa dal 2012 di scovare tutti i fondi statali, gli incentivi e i metodi per pagare meno tasse, oltre a coordinare il lavoro della Redazione.

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*