Lifestyle

IN PUGLIA LE PRIME AUTO A IDROGENO ITALIANE

Sarà la Puglia la prima regione a realizzare la prima rete in Italia di distributori di idrogeno per autotrazione.
Il progetto è stato presentato a Energethica 2009, il salone delle energie rinnovabili e sostenibili tenutosi in marzo 2009 alla Fiera di Genova.
L’idrogeno sarà prodotto sfuttando le energie rinnovabili, in particolare il fotovoltaico.
L’ideatore del progetto è Nicola Conenna, presidente dell’Università dell’Idrogeno H2U, il quale evidenzia come “l’energia radiante proveniente dal sole e’ la fonte energetica alla quale facciamo riferimento per la produzione di idrogeno non inquina ed e’ garantita per 3-4 miliardi di anni’’
L’idea di questa distribuzione era nata già ad aprile 2008, ed era stata formalizzata da un accordo tra la Regione Puglia ed il Ministero dell’ambiente in cui si parlava di uno stanziamento di 5 milioni di euro per avere un distributore di idrogeno in ognuna delle sei province pugliesi, ed ora, dopo qualche mese di fermo, sembra che il progetto possa proseguire e svilupparsi al meglio.
L’idrogeno continua ad essere al centro delle prospettive future per alimentare i veicoli, e spesso viene detto che l’energia che serve per produrlo è superiore a quella che fornisce, ma l’evoluzione tecnologica sicuramente fornirà meccanismi di produzione sempre meno energivori, e il solare fotovoltaico sembra essere gia un buono spunto!

La notizia giunge tra l’altro con un tempismo perfetto, dopo che il 4 febbraio l’Unione Europea aveva stabilito che entro due anni in Europa si potranno omologare le auto a idrogeno. Sono in vista grandi risparmi sia per le nostre tasche che per l’ambiente!

> Federico Rossi (157 Articoli)
Sociologo e giornalista con la passione per la sostenibilità ambientale e un passato da selezionatore del personale per una multinazionale. Dal 2006 si diverte lavorando come freelance per diverse agenzie di Milano. Per NoiRisparmiamo si occupa dal 2012 di scovare tutti i fondi statali, gli incentivi e i metodi per pagare meno tasse, oltre a coordinare il lavoro della Redazione.

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*