Lifestyle

DETRAZIONE IRPEF AL 19% ANCHE SOLO CON IL PRELIMINARE DI ACQUISTO

Si può fruire della detrazione IRPEF pari al 19% dei compensi pagati a intermediari immobiliari per l’acquisto dell’abitazione principale (art. 15, comma 1, lett. b bis, D.P.R. 917/1986), anche in presenza del solo preliminare di compravendita, purche` regolarmente registrato.

Se successivamente non venisse stipulato il contratto definitivo d`acquisto dell’abitazione, la detrazione utilizzata dovra` essere restituita. Cosi` viene chiarito dall’Agenzia delle Entrate con la Risoluzione Ministeriale n. 26/E del 30 gennaio 2009. In particolare, l’art. 15, comma 1, lett b bis del TUIR – D.P.R. 917/1986 (come introdotto dal decreto “Visco-Bersani“ – D.L. 223/2006 convertito con modifiche nella legge 248/2006) prevede, dal 1° gennaio 2007, la detraibilita` dall’IRPEF del 19% dei compensi pagati agli intermediari immobiliari per l’acquisto dell’unita` immobiliare da adibire ad abitazione principale, per un importo non superiore a 1.000 euro.
Al riguardo, l’Agenzia delle Entrate ha specificato che, in mancanza di un contratto definitivo d`acquisto, il contribuente puo` comunque beneficiare della detrazione anche in presenza del solo preliminare di vendita registrato, a condizione, pero`, pena la decadenza dal beneficio, che le parti stipulino poi il contratto definitivo (in quanto un preliminare di vendita non produce il trasferimento della proprieta`) e che l’immobile sia destinato ad abitazione principale dell’acquirente. Inoltre, richiamando la precedente Circolare ministeriale n. 28/E/2006, l’Agenzia delle Entrate ribadisce nuovamente che l’importo di 1.000 euro costituisce il limite massimo su cui commisurare la detrazione del 19%, in relazione all’intera spesa sostenuta per il compenso versato agli intermediari immobiliari e che la possibilita` di portare in detrazione quest`onere si esaurisce in un unico periodo di imposta; qualora l’acquisto dell’abitazione sia effettuato da piu` soggetti, la detrazione, nel limite complessivo di 1.000 euro, dovra` essere ripartita tra i comproprietari in base alla percentuale di proprieta`.

La Risoluzione dell’Agenzia delle Entrate è presente nella banca dati Codice Immobili.

> Federico Rossi (157 Articoli)
Sociologo e giornalista con la passione per la sostenibilità ambientale e un passato da selezionatore del personale per una multinazionale. Dal 2006 si diverte lavorando come freelance per diverse agenzie di Milano. Per NoiRisparmiamo si occupa dal 2012 di scovare tutti i fondi statali, gli incentivi e i metodi per pagare meno tasse, oltre a coordinare il lavoro della Redazione.

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*