Lifestyle

COME RISPARMIARE BENZINA GUIDANDO

In generale adottare uno stile di guida che evita gli sprechi di carburante significa anche diminuire l'usura del veicolo ed aumentare la sicurezza dei nostri spostamenti .

In particolare conviene:

  • "prevedere" in tempo le occasioni di fermata in modo da togliere in anticipo il piede dall'acceleratore o fermarsi usando i freni il meno possibile. In pratica, avvicinandosi ai semafori gialli o rossi, agli incroci o a situazioni che comunque obbligano a decelerare, è conveniente rallentare uniformemente;
  • mantenere una velocità di crociera adatta alla strada, al traffico ed al veicolo;
  • un modo di guidare "sobrio" (non tirare troppo le marce, accelerare progressivamente e non bruscamente ... ) può diminuire i consumi dal 10 al 12% e gli scarichi nocivi dal 30 al 40%;
  • mantenere sempre una andatura che dia sicurezza a chi guida ed ai passeggeri;
  • affrontare le curve ad una velocità adeguata, in modo da non sovraccaricare troppo le ruote e gli ammortizzatori esterni alla curva;
  • evitare, se possibile, l'impiego dello sbrinatore: può far crescere i consumi anche del 10%;
  • evitare i percorsi urbani troppo congestionati, considerando che un aumento della velocità media da 20 a 30 km/h determina un risparmio di carburante pari al 20%;
  • nel caso in cui l'auto sia dotata di econometro, consultarlo di tanto in tanto poiché questo strumento vi consiglierà il rapporto del cambio (marcia) più adatto, tenendo conto che un numero di giri del motore eccessivamente elevato induce maggiori consumi (fino al 30% in più);
  • scegliere, negli spostamenti extraurbani, il percorso con il minore numero di curve, ricordando che una guida "aggressiva", cioè con l'acceleratore premuto a fondo, ed una strada con molte curve sono elementi poco compatibili con la sicurezza e con il consumo di carburante, che può anche aumentare dei 50%;
  • ricordare che l'utilizzo del climatizzatore fa aumentare i consumi del 15% (a 70 Km/h) e del 22% (a 50 Km/h): l'aumento è dovuto al fatto che, a velocità maggiori, il motore di per sè consuma di più e che il flusso d'aria è più elevato e tale da facilitare il condizionatore nel raffreddamento dell'aria. A macchina ferma, l'aumento reale dei consumi è meno evidente: senza aria condizionata, il motore consuma da mezzo litro a un litro all'ora; utilizzando l'aria condizionata, si aggiunge un consumo variabile dal 38 al 115%. Può sembrare molto, ma si tratta di soli 0,4-0,7 litri in più all'ora.

Dunque, risparmiare con la nostra automobile è facile. Alcuni semplici accorgimenti sono, infatti, sufficienti a raggiungere l'obiettivo:

– regolare la carburazione (o l’iniezione) e l’accensione;

  • controllare almeno una volta alla settimana la pressione dei pneumatici;
  • utilizzare il portapacchi solo quando necessario e distribuendo bene il carico;
  • viaggiare in autostrada con i finestrini chiusi;
  • scegliere oculatamente, al momento dell’acquisto, l’autovettura a più basso consumo.
> Federico Rossi (157 Articoli)
Sociologo e giornalista con la passione per la sostenibilità ambientale e un passato da selezionatore del personale per una multinazionale. Dal 2006 si diverte lavorando come freelance per diverse agenzie di Milano. Per NoiRisparmiamo si occupa dal 2012 di scovare tutti i fondi statali, gli incentivi e i metodi per pagare meno tasse, oltre a coordinare il lavoro della Redazione.

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*